• Le mie ricette
  • Voglia di dieta: consigli ed esperti
  • UTensILI IN CUCINA
  • Consigli utili
  • Cuoca a domicilio
  • Incontri golosi
  • Un buon bicchiere di vino
  • Visita la mia pagina Facebook
  • iscritta Federazione Italiana Cuochi
  • Expo 2015

<

La Marmellata di Villa Medici: i numeri del 2017

marmellata Villa Medici 2017

Il progetto pensato dall'Accademia di Francia a Roma nel settembre 2015 in concerto con la Casa Circondariale Femminile di Rebibbia e da me elaborato nel dettaglio pratico, è decollato e concluso per questo anno 2017, almeno per quanto riguarda la fase di produzione.

Questi i numeri:

Assieme a 6 ragazze ospiti della Casa Circondariale Femminile di Rebibbia, abbiamo lavorato 280 chili di melangoli con 350 chili di zucchero e acqua in proporzione, producendo oltre 600 chili di marmellata e quindi oltre 2700 barattolini ora debitamente etichettati ed esposti per la vendita ai visitatori della splendida Villa Medici a Roma, sede dell'Accademia di Francia.

Un'esperienza significativa non solo per i numeri raggiunti come primo anno di rodaggio, ma anche e sopratutto perché realizzata in ambito sociale, al quale personalmente da sempre sono protesa.

Lavorare ma soprattutto trasmettere una propria seppur minima conoscenza a chi ha bisogno di ri-crearsi per poter tornare a una vita diversa dalla precedente con un bagaglio di conoscenze e competenze che gli permetta di inserirsi nella vita lavorativa a piena ritmo, è stato appagante per me in quanto insegnante.

E l'insegnamento non è riferito alla mera ricetta e sua preparazione: la necessità di precisione, in pesi e misure, di ordine e pulizia, sempre necessari in una cucina che si rispetti, la pazienza dell'attesa, i tempi da rispettare per la riuscita del prodotto, ma soprattutto il principio di collaborazione, il saper lavorare insieme con altri dividendo i compiti con naturalezza, sapendo di poter sostituire una collega in qualsiasi altra mansione e la realizzazione data dalla soddisfazione di vedere come un frutto così apparentemente ostile, (il melangolo è arancia amara), si trasformi in un prodotto così buono.

Ma c'è anche di più: lavorare su un progetto come questo, voluto da un committente di così importante rilievo culturale, sapere che il prodotto cui stai lavorando sarà esposto e venduto in un luogo così bello al centro di Roma come Villa Medici, ha dato alle ragazze un rilevante senso di partecipazione alla vita fuori da quelle mura e soprattutto la preziosa sensazione di non essere state dimenticate.

Visto il successo dell'iniziativa, dopo un giro di ricognizione nel parco della Villa, si è deciso di procedere con un secondo progetto con le stesse caratteristiche di quest'ultimo: "La gelatina di mele cotogne di Villa Medici", che potrebbe partire, per esigenze organizzative ma soprattutto di stagionalità, il prossimo ottobre. 

Ringrazio tutti coloro che si sono prestati senza riserva per la realizzazione del progetto, in particolare la gentile Francoise Laurent dell'Accademia di Francia e la preziosa Cristina Dimitri Educatrice di Rebibbia Femminile, e per essere stata coinvolta in questa preziosa esperienza. 

Share